Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Joya Roma, Dybala non perdona

Notte Special per la Roma di Mourinho

Nell’urlo liberatorio, condiviso nelle storie su Instagram al fischio finale, c’è tutta la felicità di Mourinho: sul pullman giallorosso da squalificato ha visto la Roma rimontare e vincere contro l’Inter a San Siro, ponendo così fine ad un paio di tabù dopo aver perso tre volte consecutive con Inzaghi e non esser riusciti in 10 gare a vincere contro Inter, Milan, Juve e Napoli. Contro l’Inter è la vittoria della Roma squadra, impreziosita dalla qualità di Dybala e dal leadership di Smalling, che è stato il migliore il campo.

Qui c’è tutta la forza e la bravura di Mourinho che, pur sapendo come l’argentino non avesse i 90 minuti nelle gambe, ha deciso di rischiarlo dall’inizio, sacrificando Abraham. Mourinho schiera un 3-4-1-2 ibrido con Pellegrini che diventa addirittura il più alto tra Dybala e Zaniolo quando la Roma difende per poi abbassarsi in fase di possesso, cercando di innescare la velocità dei compagni. Il problema è che nelle ripartenze i giallorossi si vedono poco e l’Inter prende campo fino al gol di Dimarco. Al 39′ Dybala sfrutta una sortita offensiva di Spinazzola calciando al volo e trovando la complicità di Handanovic e, quindi, il pari. Al 58′ l’argentino esce per crampi per far spazio ad Abraham e con lui se ne va quell’intraprendenza che il gol del pareggio sembrava aver regalato ai giallorossi. La Roma soffre ma resta a galla per poi segnare da palla inattiva con Smalling su punizione di Pellegrini.  Si tratta del 26° gol da palla ferma dell’era Mourinho. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa