Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dybala dipendenti: la metà dei punti li ha firmati la Joya

L’argentino ha consegnato nelle mani di Mourinho 8 punti sui 16 conquistati. 11 totali con il gol contro l’Helsinki

La diagnosi è abbastanza chiara e non esiste medico in grado di confutarla: la Roma è Dybala-dipendente. Di certo non una sorpresa per chi ha seguito con attenzione il cammino della Roma finora, ma i numeri confermano quanto l’impatto dell’argentino sia stato davvero impressionante: l’obiettivo ora è mantenere un rapporto di dipendenza sana e positiva, senza farla diventare patologica.

Ci sono diversi fattori da valutare quando si cerca di capire quanto Dybala abbia inciso sulle sorti dei giallorossi. In primis i gol fatti o procurati: in campionato la Joya ha fornito l’assist per il pareggio di Abraham a Torino contro la Juventus, ha siglato la doppietta con il Monza all’Olimpico che ha stappato la gara, ha regalato al pubblico del Castellani di Empoli il magico sinistro a giro e l’assist per Abraham e infine ha realizzato il gol del momentaneo pari a San Siro contro l’Inter.

Volendo fornire una proprietà transitiva tra quanto fatto dalla Joya e i punti aggiunti in classifica, l’argentino ha consegnato nelle mani di Mourinho 8 punti sui 16 conquistati. Se a questo aggiungiamo il gol che ha sbloccato la gara di Europa League con l’Helsinki (al secondo pallone toccato) il conteggio sale a 11 totali. Un bottino niente male in nove presenze stagionali.

Ma c’è un dato ancor più curioso e in parte preoccupante: la Roma senza Dybala non segna. È pur vero che l’argentino, avendo registrato il 75% dei minuti totali, è stato quasi sempre in campo e quindi compartecipe in prima linea dei destini della squadra, ma ci sono ben 234 minuti in cui la squadra non ha potuto contare sulle magie dell’argentino. Risultato: solo un gol, quello di Smalling a Milano, su calcio piazzato. Diverso il conteggio con Dybala in campo: 12 reti fatte, di cui ben 8 su azione. Ora c’è il Betis in coppa, difficilmente Mou potrà fare a meno della classe e dei gol di Paulo Dybala.

Si legge su La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa