Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Staffetta Gallo-Tammy

Pronta la staffetta tra Belotti e Abraham nella sfida con il Betis

José Mourinho non si spaventa dell’abbondanza in attacco, non sente le pressioni e ha la forza di poter lasciare in panchina anche un centravanti pagato 40 milioni poco più di un anno fa come Abraham. È accaduto in uno dei match più importanti del campionato e potrebbe riaccadere stasera contro il Real Betis. L’unico sicuro del posto sarà Dybala: l’argentino, per il momento, è il solo che in attacco garantisce gol. Non riposerà nemmeno Zaniolo, che ha dato prova di avere un certo feeling con la porta in occasione delle gare europee. Lo scorso anno su sette reti totali, cinque ne ha segnate in Conference League. Rinunciarci nella gara più importante del girone sarebbe un autogol. All’orizzonte, dunque, si profila una staffetta Abraham-Belotti, con il Gallo in vantaggio sull’inglese. Ne è conferma la seduta di ieri con l’ex granata schierato nella formazione titolare.

Tammy è partito dalla panchina a San Siro contro l’Inter e quando è entrato ha dimostrato di non aver accusato il colpo. Il suo problema con il gol non è ancora risolto, crea tanto ma non concretizza. Le panchine con l’Inghilterra e la rivalità con Belotti probabilmente lo hanno destabilizzato e per un attaccante sentire la fiducia del tecnico e dell’ambiente è fondamentale per credere in se steso e garantire prestazioni all’altezza. L’inglese però potrebbe partire nuovamente dalla panchina, improbabile che parta in coppia con Belotti. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa