Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zalewski, che sfide: la Roma e il Mondiale

È pronto Zalewski per un’altra notte europea da protagonista

Nicola Zalewski è tornato, e non ha nessuna intenzione di fermarsi nuovamente. Questi sono i mesi più importanti della sua carriera, cambiata un anno fa dalla decisione di Mourinho di puntare su di lui per dare freschezza alla squadra e aumentare le scelte sulla corsia sinistra, allora priva di Spinazzola. I primi minuti in campo alla fine del 2021, la titolarità nel nuovo anno e l’esplosione del ventenne polacco, rivelazione della Serie A e candidato al Golden Boy. Il suo avvio di stagione non è stato così esaltante, complici gli infortuni e un doppio impegno che inevitabilmente deve cercare di gestire. Ha immediatamente conquistato la Nazionale polacca, di cui adesso è titolare inamovibile sulla sinistra, e a soli venti anni è diventato protagonista di una delle selezioni più importanti d’Europa, strappando il pass per il Mondiale senza troppi sforzi.

Adesso vuole riconquistarsi il pass Mourinho, che a San Siro gli ha preferito Spinazzola. Il ragazzo ha pagato l’affaticamento muscolare che lo ha tenuto fuori dalle partite contro Empoli e Helsinki, dopo quello arrivato a pochi giorni dall’inizio del campionato. Adesso che è tornato a disposizione, dopo aver disputato gli impegni con la Polonia contro Olanda e Galles (da titolare, neanche a dirlo) vuole ritrovare minutaggio anche con Mourinho. Contro il Betis con ogni probabilità scenderà in campo dal primo minuto, nell’ultima settimana si è allenato bene e ha mostrato di essere tornato in condizione per tornare a giocare all’Olimpico. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa