Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dubbio Dybala con il Lecce. E Mou pensa a Belotti

Dybala non al meglio, Belotti insidia Abraham

Con l’idea Belotti titolare, Dybala da valutare e Pellegrini recuperato, la Roma di José Mourinho torna di scena all’Olimpico, 72 ore dopo il ko con il Betis. L’obiettivo é uno solo: vincere per smaltire le tossine che la sconfitta di Europa League ha lasciato come scomodo souvenir e concentrarsi sul film del campionato, che tanto può ancora raccontare. In un Olimpico da sold out (fischio d’inizio ore 20.45), la squadra dello Special One va a caccia dei tre punti contro il Lecce di Baroni, con un passato a Trigoria da calciatore giallorosso (19 presenze nella stagione 1986-87): sulla carta gara abbordabile per valori assoluti, ma guai a sottovalutare la squadra salentina, che ha venduto cara la pelle nelle sfide di livello con Inter e Napoli. La sfida con il Lecce sembra sulla carta la serata ideale per far pace con la mira e dare finalmente un riscontro accettabile al numero delle occasioni da rete create dai giallorossi: singolare infatti il dato degli expected goals, dove la Roma è prima per distacco con un coefficiente di 15.4, addirittura superiore al Napoli di Spalletti. Risultato? I giallorossi (10) hanno segnato quasi la metà degli azzurri (18). E il calcio continua a basarsi sulla regola basilare del “vince chi segna un gol più dell’altro”.

Con Atalanta e Betis la Roma ha creato più dell’avversario, perdendo in entrambe le occasioni. Con il Lecce il copione deve drasticamente cambiare: Mourinho lo sa bene, l’idea di lanciare Belotti dal primo minuto va in quella direzione. Il fitto calendario di impegni della Roma impone inoltre al tecnico portoghese di ragionare e valutare al meglio le situazioni legate ai giocatori più a rischio dal punto di vista muscolare: giovedì la Roma è attesa dalla decisiva trasferta di Siviglia, per questo Dybala e Smalling, pilastri imprescindibili dello scacchiere giallorosso, potrebbero inizialmente partire fuori. Le buone notizie, arrivate da Trigoria, riguardano Lorenzo Pellegrini. Il capitano giallorosso ha smaltito il problema al flessore sinistro e ha svolto tutta la rifinitura con i compagni: sarà tra i convocati per il match dell’Olimpico. Il numero 7 proverà ad aiutare la sua squadra a risolvere il problema del gol e a fornire un cambio di passo che spesso, nel cuore del campo, tarda ad arrivare. Il margine di errore per la squadra di Mourinho si è praticamente azzerato: bisogna correre senza più battute d’arresto per mantenere il passo del gruppo di testa, Napoli in primis, se si vuole continuare a dare forma ai sogni estivi. Ma tra il dire e il fare, c’è di mezzo il campo. Anzi, l’Olimpico. Lo scrive “La Repubblica”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa