Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini c’è, ma si decide tutto oggi

Il capitano Pellegrini ha recuperato: oggi Mou decide se schierarlo dall’inizio

La partita più importante è sempre la prossima. E’ questo il mantra che potrebbe portare Mourinho a limitare il turnover contro il Lecce, nonostante la gara di Europa League in programma giovedì prossimo in casa del Betis. Dopo 4 sconfitte incassate tra campionato e coppa, la Roma non può più permettersi di sbagliare, per questo lo Special One sta pensando seriamente di mandare in campo la miglior squadra possibile. Se Lorenzo Pellegrini, che ieri ha svolto la seduta di rifinitura in gruppo, dovesse dare la sua disponibilità a giocare, potrebbe anche iniziare il match di stasera tra i titolari.

Davanti a Rui Patricio dunque ci saranno ancora Mancini, Smalling e Ibanez. A destra Zalewski sostituirà Celik e Karsdorp, mentre sulla fascia opposta è pronta la staffetta Spinazzola-El Shaarawy, con il Faraone pronto ad entrare a gara in corso. I dubbi sulla coppia in mediana e l’attacco invece saranno sciolti soltanto oggi dopo aver testato le condizioni di Pellegrini, che sembra dunque destinato a scendere in campo. Dalla disponibilità del numero 7 dipendono le scelte di Mou. Il capitano potrebbe anche prendere il posto di Matic in mediana: in quel caso davanti giocherebbero Zaniolo, Dybala e uno tra Belotti e Abraham. Se invece Pellegrini dovesse essere schierato in attacco, a rischiare il posto sarebbe l’inglese. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa