Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, adesso bisogna ripartire

Sampdoria-Roma dove vedere in tv streaming

Roma, tocca subito cambiare marcia

4 sconfitte in 11 partite e terzo posto in un girone non proibitivo in Europa League, ma anche questa sera l’Olimpico presenterà il solito colpo d’occhio, con oltre 60mila persone pronte ad incitare con entusiasmo la Roma. Vincendo, Mourinho si troverebbe comunque ad un punto dal Milan e allungherebbe a +4 sui nerazzurri e a +6 sulla Juventus, trovandosi in zona Champions, molto vicino al Napoli dei miracoli. E questo nonostante gli infortuni, il gioco che non decolla e i sali e scendi di almeno 4 interpreti. Perché a fronte di un Dybala che segna con continuità e di uno Smalling che si conferma lo sceriffo insuperabile in difesa, José si ritrova con l’asse formato da Rui Patricio, Spinazzola, Zaniolo e Abraham che fatica a sorreggere il peso della squadra.

Il portoghese ad oggi in Serie A è il peggior portiere nel coefficiente tra difficoltà dei tiri ricevuti e i gol subiti. Poco davanti a lui Spinazzola non ha ancora ritrovato appoggio e velocità, poi il discorso scivola via velocemente sull’attacco. Due dei tre componenti del tridente offensivo faticano. Zaniolo è fermo in campionato dal 23 gennaio, Abraham è la controfigura di se stesso. L’inglese sembra aver smarrito il gol e la sua flessione, sommata a quella di Nicolò, porta la Roma ad aver dimezzato quasi la vena realizzativa rispetto alla scorsa stagione. Un anno fa, dopo 8 partite, i giallorossi vantavano una media di due gol a partita (16). Ora il dato si è ridotto a 10 e chissà che il Lecce non sia un buon viatico. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa