Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Totti e Ilary in tribunale per lo scambio borse-Rolex

Totti e Ilary si vedranno per la prima volta in tribunale il 14 ottobre

La battaglia per la separazione tra Francesco Totti e Ilary Blasi è già cominciata. Intanto c’è una prima data da segnare sul calendario: venerdì 14 ottobre 2022. Per quel giorno infatti è stata fissata l’udienza davanti al giudice civile per decidere delle ormai celeberrime borsette di Ilary, sparite dalla cabina armadio della maxi-villa dell’Eur. Dopo il ‘ratto’ dei suoi molto più preziosi Rolex, rimossi dalla cassetta di sicurezza e mai più rivisti, Totti le ha prese come ‘pegno’, contando di risolvere la faccenda con un baratto. Probabilmente il Capitano pensava che almeno questo contenzioso si potesse risolvere quasi amichevolmente. Così non è stato.

Nei giorni scorsi infatti l’avvocato Alessandro Simeone, che difende Ilary, aveva presentato un’azione di reintegrazione a difesa del possesso per riavere indietro le borse. Non che nel frattempo Francesco Totti sia rimasto a guardare. Pure i suoi avvocati, Antonio Conte e Annamaria Bernardini de Pace, intendono recuperare il lotto di costosi orologi svizzeri che l’ex n.10 ha comprato negli anni con i propri soldi, altro che regali. Tecnicamente Ilary non può essere accusata di furto, perché il fatto è accaduto nell’ambito familiare, tra congiunti. Qualora i Rolex fossero venduti l’acquirente sarebbe considerato colpevole del reato di ricettazione, quindi gli eventuali collezionisti di cimeli tottiani sono avvisati. I due però continuano a vivere nella sconfinata villa dell’Eur, ciascuno arroccato nei suoi oltre 700 metri quadri. Per ora nessuno dei due intende cambiare domicilio, anche per poter seguire da vicino i tre figli. Ma la convivenza è e resterà complicata. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa