Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Difende e segna: in Europa nessuno come Smalling

Momento magico per il centrale inglese

Difende come un mastino, imposta come un regista e, quando si sistema in area da rigore avversaria, segna come un attaccante. Nona presenza in campionato e terzo gol, sempre di testa, sempre prezioso. Impossibile trovare un centrale difensivo dello stesso livello e impatto di Chris Smalling nel nostro campionato. Con il Lecce il rigore di Dybala decide la sfida e porta tre punti a Mourinho, ma lo zampino del centrale giallorosso è ancora una volta determinante. Una risorsa inaspettata in questo inizio di stagione, punto di riferimento del reparto arretrato e freddo goleador sulle palle alte. E il raffronto con il reparto offensivo è quasi inquietante: escludendo Dybala, è il giallorosso che ha segnato di più. Pellegrini pennella, Smalling segna: sta diventando quasi uno schema per la Roma di Mou. Prima la rete con la Cremonese all’Olimpico, poi lo straordinario stacco a San Siro e ieri sera il colpo di testa a sbloccare la partita contro il Lecce.

È strano che non sia in nazionale inglese. Sono in una posizione privilegiata per confrontarlo con lo Smalling di 5 anni fa: non so forse è la gioia di vivere qui, di stare alla Roma, di stare bene… non lo so. Posso dire in modo obiettivo che è un giocatore di livello altissimo con grande esperienza e stabilità“. Il Mourinho pensiero sottolinea poi il paradosso che il centrale di Greenwich continua a vivere: tra i migliori difensori della Serie A, per reti e rendimento, viene ignorato da Southgate. La visita alla Dacia Arena del ct inglese non si è rivelata nemmeno troppo fortunata, visti i quattro gol incassati dai giallorossi, ma le altre impeccabili prestazioni sembrano materia più che affidabile per prenotargli un posto tra i convocati per il Mondiale in Qatar. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa