Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Rivoluzione Pinto: strategia e ricerca per lanciare i nuovi talenti

Per la prima volta l’Eca organizza il Knowledge Exchange Event in Italia

 Per la prima volta sbarca in Italia e sarà organizzato proprio dalla Roma, che fungerà da supporto operativo all’Eca dal punto di vista pratico, ma anche strategico. È il “Knowledge Exchange Event”, il convegno che si svolgerà nella Capitale la prossima settimana, esattamente il 18 e 19 ottobre, e che avrà come tema principale l’attenzione al mondo del calcio giovanile, con un occhio di riguardo alla figura degli allenatori: che devono essere ovviamente dei tecnici bravi e preparati, ma anche e soprattutto dei “formatori”.

Quest’anno per la prima volta nella sua storia l’Eca ha deciso di organizzarlo in Italia e per la prima volta ha deciso di coinvolgere direttamente un nostro club in prima persona, sia nell’organizzazione sia nella logistica. I vari panel andranno così in scena allo stadio Olimpico, con una postilla particolare, visto che nel secondo giorno ci saranno anche dei momenti importanti da vivere direttamente a Trigoria, dove la Roma mostrerà non solo le strutture all’avanguardia del Fulvio Bernardini ma anche la sua filosofia legata al settore giovanile e il suo modo quotidiano di lavorare con i ragazzi. La società giallorossa è stata scelta per gestire questa edizione perché a livello internazionale – anche nei centri di potere del calcio – si sono resi conto della bontà del lavoro svolto a Trigoria con i giovani. Gli scudetti fanno piacere, è ovvio. Ma per Pinto e Vergine i successi veri sono altri. E cioè i 14 giocatori che sono finiti più o meno stabilmente nell’occhio di Mourinho (Zalewski, Darboe, Bove, Volpato, Tripi, Boer, Missori, Keramitsis, Faticanti, Oliveras, Tahirovic, Ivkovic e Cassano, oltre a Felix che è stato ceduto a inizio stagione). E i 25 nazionali giovanili, di cui 15 azzurri (tra cui tra capitani: Di Nunzio con l’Under 16, Mannini con l’Under 17 e Faticanti con l’Under 19) e dieci stranieri. Perché l’obiettivo del settore giovanile della Roma è quello di andare a costruire calciatori o per la prima squadra o per le esigenze del club.

Lo scrive La Gazzetta dello Sport

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa