Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le pagelle di Siamo la Roma

PAGELLE – Sampdoria-Roma 0-1: Lorenzo ci porta quarti, all’orizzonte c’è Spalletti

La Roma batte la Sampdoria e aspetta il Napoli all’Olimpico

RUI PATRICIO 6

Pomeriggio da spettatore, lo si vede impegnato solo nel giro palla con i compagni.

Trigoria

MANCINI  6

Partita fisica e spigolosa: pane per i suoi denti.

SMALLING  6,5

Difficile ogni volta trovare dei nei alla prestazione del difensore inglese.

IBANEZ  6

Giallo per un fallaccio su Gabbiadini, per il resto controlla senza affanni.

ZALEWSKI  6,5

Grande corsa e generosità per l’esterno giallorosso.

CRISTANTE  6

L’uomo d’ordine ma anche di battaglia in mezzo al campo.

CAMARA  6,5

Con il giusto piglio e la gamba che inizia ad entrare in condizione dà il suo prezioso contributo in mezzo al campo.

EL SHAARAWY  6

Si rivede dopo tanto tempo dal primo minuto. Poche giocate ma tanti chilometri percorsi.

PELLEGRINI  7

Tante giocate utili, il rigore trasformato il pallone più importante della sua serata. Tocca quota 200 presenze in giallorosso.

BELOTTI 6

Altro che ballottaggio: il Gallo c’é e gioca. Ma si divora una grande occasione a tu per tu con Audero.

ABRAHAM  6

Il gol non vuole arrivare, ma in parte non gli arriva un pallone “calciabile”. Manda però in porta Belotti con un passaggio da trequartista.

Zaniolo

ZANIOLO 6,5

Dopo l’iniziale sorprendente panchina, Mou lo libera a campo aperto nel secondo tempo. Devastante, manca solo il gol, sfiorato in due occasioni.

MATIC 6

Entra nella ripresa, non toglie mai la gamba: finale da Premier, che lui conosce bene.

SPINAZZOLA  6

Un quarto d’ora nel finale al posto di El Shaarawy, che aveva dato tutto.

KARSDORP  6

La buona notizia è rivederlo in campo. Bentornato Rick.

BOVE  SV

Finale di gara ordinato.

MOURINHO  6,5

Ok, il gioco non è dei più godibili. Ma su dieci gare ne ha vinte sette e la sua Roma è a soli 4 punti dal Napoli. Sarà pure merito suo, no?

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamo la Roma