Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Nel saloon di Marassi tre punti sull’unghia: la Roma ora è quarta

La Roma sbanca Marassi: quarta in classifica

Nel saloon di Marassi è normale che la posta si decida alle mani. I baci sono finiti prima del fischio d’inizio, con quello di José Mourinho sulla testona rasata di Dejan Stankovic, quasi a replicare una foto del giorno in cui portarono l’Inter sul tetto d’Europa.

Ma come insegna la storia, a volte dietro un bacio si nasconde una caccia all’uomo: è bastato che il pallone iniziasse a rotolare perché a Marassi s’infiammasse una tonnara inestricabile di gambe intrecciate, salti sgomitati, scivolate energiche. Ne è uscita la partita più cattiva dall’inizio del campionato: 40 falli perfettamente ridistribuiti tra le due parti (altrettanti in Samp-Monza), come una partita a scacchi in cui l’unico scopo non sia prendere il Re ma mangiare più pedoni possibili.

Sembrerà paradossale, ma mentre tutti vengono alle mani, basta un dito alla Roma per sbilanciare irrimediabilmente questa rissa itinerante. O forse un’unghia. Quando Alex Ferrari sfiora col medio della mano destra un cross di Abraham, molti chiedono il rigore, lo vede il Var Aureliano, a cui forse di fronte a quelle immagini tornano in mente vecchi episodi simili e discussi.

E quindi, rigore, Pellegrini che aveva sbagliato a Empoli stavolta tiene il sangue gelido. Alla fine, la Roma si scopre quarta, felice e sola: davanti alla Lazio, a -4 dal Napoli atteso domenica all’Olimpico. Non si poteva capitalizzare meglio quel rigore, nonostante i lampi di Zaniolo, bravo e ugualmente sciagurato nel costruire e dissipare il bis. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa