Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Sampdoria-Roma 0-1, la moviola dei quotidiani: Di Bello, altro disastro

Male Di Bello che si perde diversi episodi durante la partita del Ferraris

LA GAZZETTA DELLO SPORT – Partita scorbutica, con tante interruzioni. L’episodio chiave è in apertura quando Di Bello viene richiamato dal Var Aureliano per il tocco in area di Ferrari sul cross di Abraham: Ferrari aumenta il volume del corpo e il rigore, di conseguenza, è automatico. La decisione è giusta.

Nella ripresa, invece, c’è l’errore di Di Bello che non vede un fallo di mano evidente di El Shaarawy al limite dell’area (che avrebbe meritato anche il giallo), ma episodio non da Var. Giusta la distribuzione dei gialli, ok anche annullare il 2-0 a Zaniolo per un fuorigioco millimetrico.

IL CORRIERE DELLO SPORT – Siamo messi male. Peggio sta Di Bello, partita arbitralmente inguardabile: se pensate che l’arbitro di Brindisi è un internazionale, che certe partite dovrebbe farle con le infra-dito… Ed invece si perde un rigore (e meno male c’era Aureliano al VAR), si perde una fallo di mano clamoroso fuori area, un rosso in campo (sul possibile intervento del VAR si può discutere). Male. Gol annullato a Zaniolo: ok.

Cross di Abraham, Ferrari tocca il pallone non in maniera netta, ma tanto basta (si vede nell’ultimo replay) perché cambi direzione, abbassandosi. In area c’erano 4 giallorossi e 2 blucerchiati, potenziale azione pericolosa. Bravo Aureliano al VAR. Verre entra con la gamba destra tesa e piede a martello su Cristante, colpisce prima il piede sinistro non bassissimo, poi il piede destro: per come approccia, per la vigoria spropositata, rosso. Da VAR? Il fatto che vada più sul piede ha portato Aureliano a non infierire.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa