Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 19 ottobre 1997: in 50mila all’Olimpico per…Fiorentina-Roma!

I tifosi della Roma si rendono nuovamente partecipi di un evento unico: visti i pochi tagliandi per il Franchi, viene aperto l’Olimpico, gremito per l’evento

Il 19 ottobre del 1997 la Roma otteneva un pareggio per 0-0 allo stadio Artemio Franchi di Firenze. La gara di per sè ha ben poco per essere ricordata, ma quello che rimane indelebile è l’affetto dei tifosi giallorossi, nuovamente protagonisti in positivo.

La gara, decisiva per recuperare punti e agganciare il vertice della classifica, termina a reti bianche e con un rigore a favore della Roma, sbagliato da Balbo, ma l’affetto dei tifosi coprirà le colonne dei giornali nel giorno successivo: visti i pochi biglietti messi a disposizione per la trasferta (solo 5000), per evitare problemi di ordine pubblico vengono messi a disposizione dei tifosi i maxischermi dello stadio Olimpico. In poche ore l’impianto sportivo viene riempito da circa 50 mila tifosi romanisti, che si riversano all’interno dello stadio per assistere “virtualmente” alla gara dei loro beniamini.

L’evento, piacevole poiché gratuito e pacifico, suscitò un forte interesse, visto che per la prima volta si diede la possibilità ai tifosi di entrare all’Olimpico anche senza la presenza della squadra. Una dimostrazione d’affetto unica, che diede prova ancora una volta dell’amore dei tifosi romanisti verso i propri colori. L’evento venne poi ripetuto nel corso degli anni, ma l’avvento delle piattaforme satellitari portò sempre meno tifosi allo stadio (l’ultima volta fu nella stagione 2000-01, in occasione di un Perugia-Roma), sia per le partite virtuali che per quelle reali, purtroppo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord