Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La sfida degli opposti

Mourinho e Spalletti, gli opposti si sfidano

Se si potesse creare un allenatore in un laboratorio, mischiare il dna di Mourinho e Spalletti non sarebbe una cattiva idea. Opposti e complementari, le qualità dell’uno aiuterebbero l’altro a diventare perfetto. Motivatore e stratega il romanista, maniaco della tattica il toscano che allena a Napoli dopo aver lasciato un segno indelebile a Trigoria, domenica sera si ritroveranno uno contro l’altro all’Olimpico dopo i due pareggi della scorsa stagione.

Una sfida che stavolta può accorciare a un solo punto la distanza fra le squadre in classifica se dovesse spuntarla la Roma, in caso contrario i partenopei diventerebbero di diritto i candidati principali allo scudetto, anche se per molti lo sono già.

Mourinho e Spalletti sono anche gli ultimi due tecnici ad aver portato trofei nella bacheca di Trigoria. La Conference League vinta lo scorso maggio dal portoghese ha interrotto il digiuno che durava proprio dall’ultima Coppa Italia conquistata dal condottiero di Certaldo nel 2008.

Oggi basta guardare le partite di Roma e Napoli per accorgersi di quanto siano diverse le strade scelte dai rispettivi tecnici. La squadra di Mourinho usa compattezza, concentrazione, difesa e fisicità come sue armi migliori.

Se va in vantaggio è dura riprenderla e può colpire in ogni momento, sfruttando spesso i calci da fermo su cui Smalling & Co. sanno essere letali. Sono bastati appena 13 gol segnati in 10 partite per raccogliere 22 punti, gli azzurri di Spalletti ne hanno realizzati quasi il doppio (25), subendo lo stesso numero di reti: 9.

Stavolta Mourinho parlerà in conferenza stampa alla vigilia. Recuperato Karsdorp, il tecnico ha sostanzialmente tre scelte da fare nella formazione iniziale: quali esterni impiegare sulle due fasce tra l’olandese, Zalewski e Spinazzola, se riproporre dall’inizio Matic o insistere sul più dinamico Camara e chi lasciare fuori fra Abraham, Belotti e Zaniolo. Con Pellegrini che può fare sia la mezzala sia il trequartista, c’è posto solo per due degli attaccanti. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa