Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

C’è Abraham, riecco Celik

Abraham parte titolare, si rivede Celik

Mourinho va sul sicuro. Rilancia la Roma di Tirana, con poche eccezioni. Karsdorp è rientrato lunedì a Genova, ma non è ancora pronto per fare 90 minuti. Al suo posto sarà confermato Zalewski, che sta bene, ma preferisce giocare a sinistra.

Su quella fascia ancora fiducia a Spinazzola, che non è al cento per cento. Rispetto alla finale di Conference League non ci sarà Mkhitaryan, oggi all’Inter e a centrocampo sarà confermata la coppia Cristante–Matic. Camara ha superato il provino di lunedì a Genova, alla prima da titolare in maglia giallorossa, ma Mourinho preferisce un centrocampo solido e di esperienza.

Roma tosta, concreta, disegnata con il 3-5-2 come nelle ultime due uscite. Davanti torna Zaniolo titolare, al fianco di Abraham, con Pellegrini che fa da elastico tra il centrocampo e l’attacco. L’inglese non attraversa un periodo felice, nelle ultime partite fa fatica a tirare in porta. Dovrebbe essere preferito a Belotti, che dopo il gol a Siviglia non è riuscito a ripetersi a Genova.

Oggi e domani l’allenatore entrerà nel vivo delle scelte tattiche, ma la formazione dovrebbe essere fatta. Mourinho punta sulla voglia di Zaniolo, che ancora insegue il primo gol.  Intanto anche Celik, dopo Karsdorp, ha ripreso ad allenarsi con la prima squadra. Il terzino turco potrebbe tornare in campo prima della sosta mondiale. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa