Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Spalletti torna all’Olimpico: poche gioie da avversario

Il ritorno, sempre discusso, di Spalletti all’Olimpico

I tifosi della Roma non possono dimenticare le due parentesi di Luciano Spalletti in giallorosso. Una vita da secondo con ben quattro argenti in Serie A più un terzo posto e un sesto prima di andare a vincere in Russia. Ci sono anche i trofei (due Coppa Italia e una Supercoppa Italiana), le undici vittorie consecutive, il carattere forte del toscano e il dramma con Francesco Totti in quel rapporto di amici prima e nemici poi raccontato con libri, film e anche serie tv. Insomma, nel bene e nel male, Lucianone da Certaldo tra Trigoria e l’Olimpico ha lasciato il segno

Le sconfitte

Da avversario, invece, pochi se lo ricordano anche perché non ha mai dato grandi dispiaceri. La prima volta che è arrivato nella Capitale era ancora il secolo scorso (primo febbraio 1998 per la precisione) e Spalletti alla sua prima esperienza esperienza in Serie A guidava l’Empoli con il quale aveva centrato la doppia promozione partendo dalla C1. La Roma di Zeman non ebbe vita facile: grazie alla tripletta di capitan Balbo e alla rete di Aldair vinse 4-3 una partita in bilico fino alla fine. Quella fu la prima delle quattro sconfitte. L’anno dopo sempre a febbraio seguì quella della Sampdoria per 3-1 con doppietta di Paulo Sergio e il febbraio del 2000 il 5-0 del Venezia con i due gol di Delvecchio. Infine a ottobre del 2002 l’Udinese perse 4-1 subendo una doppietta da Totti, personaggio che nella vita romanista di Spalletti ebbe poi un peso fondamentale.

I pareggi

Dal 2004 il tecnico toscano rompe il tabù dell’Olimpico. Il primo punto lo riporta a casa con l’Udinese grazie al gol di Jankulovski che risponde alla marcatura di Panucci. Stesso risultato sempre con i friulani nel 2005 lo ottiene in Coppa Italia: le reti quella volta portano la firma di Mexes e Bertotto. Si arriva poi agli anni del ritorno in Italia. Nel 2018 sono Icardi e Keita Baldè a fermare il risultato sul 2-2 con i gol di Under e Kolarov per i giallorossi. Lo scorso anno alla guida del Napoli a invece strappato un 2-0.

Le vittorie

Giocare in casa della Roma resta ostico per Spalletti che in dieci precedenti ha vinto soltanto due volte. La prima nel 2005 arrivò alla guida dell’Udinese. Mattatore di giornata Iaquinta con una doppietta mentre Pizarro ha arrotondato sul 3-0 la gara che i giallorossi finirono in 10 per l’espulsione di Sartor. Ancora un balzo nel recente passato: 3-1 dell’Inter nell’agosto 2017. Apre le marcature Dzeko, completano la rimonta Icardi e Vecino in uno stadio che all’uruguaiano ricordano notti magiche contro i laziali.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti