Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Joya punta il Mondiale: recupera e si gode la città

Dybala verso il recupero, si gode le bellezza di Roma

È passato dal guardarla in campo, con la sua classe cristallina, a guardarla sofferente sugli spalti e la musica è completamente cambiata. Freme Paulo Dybala in tribuna nell’osservare i compagni, senza poter dare il suo prezioso contributo nel mantenere vive le ambizioni di alta classifica della sua Roma.

E il nome del fantasista argentino non può non rientrare di diritto nelle analisi del complicato momento che i giallorossi stanno attraversando, perché la differenza sviluppata dalle sue giocate e dai suoi gol si è puntualmente trasformata in una vera e propria crisi d’astinenza.

Sette gol in undici apparizioni, ma soprattutto un gol in media ogni 114 minuti. L’impatto di Dybala nello scacchiere tattico di Mourinho è stato impressionante, d’altronde un giocatore di questa dimensione fa tutta la differenza del mondo, differenza che si nota in maniera evidente quando non è a disposizione. Nelle ultime quattro partite, infatti, senza l’argentino (Atalanta, Betis, Sampdoria e Napoli) la Roma ne ha perse due e ha segnato solo un gol su azione e l’altro su rigore. Il recupero dall’infortunio procede nella giusta direzione, le sensazioni sono positive e a breve sarà fissata una risonanza di controllo per avere un riscontro oggettivo sulla guarigione della lesione al retto femorale sinistro.

Appena si sentirà meglio, approfitterà di questo periodo anche per conoscere meglio la città: nelle prossime settimane sono in programma dei tour privati ai Musei Vaticani e al Colosseo. Roma città e la Roma nei suoi pensieri, il Mondiale in Qatar sullo sfondo a cui ha una voglia matta di staccare il pass e far parte della spedizione albiceleste. Josè Mourinho e il Ct Scaloni lo aspettano a braccia aperte, la Joya scalda i motori e punta al rientro. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa