Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mou scopre Camara

Mourinho ha scoperto le doti di Mady Camara

In attesa di risolvere il problema dei gol segnati, José Mourinho continua a studiare una soluzione per equilibrare e rendere più dinamico il centrocampo della sua Roma. La chiave di volta sembra essere Mady Camara che, dopo quasi due mesi di ambientamento a Trigoria, ha iniziato a tirar fuori le doti che avevano spinto il gm Pinto e la squadra di scout giallorossi ad indicare l’ex Olympiakos come l’uomo giusto per rimpiazzare Wijnaldum. In attesa del rientro in campo dell’olandese, ma non solo. Il guineano infatti rappresenta una soluzione preziosa non solo per raddoppiare sulle seconde palle, ma anche per inserirsi da dietro nelle difese avversarie come successo al Villamarin in occasione del gol di Belotti arrivato proprio grazie ad un suo assist. Caratteristiche che il classe ’97 ha iniziato a mostrare nelle ultime tre gare disputate contro Betis, Sampdoria e Napoli.

E adesso, anche in vista della trasferta di Helsinki, Camara parte favorito per un posto in mediana vicino a Cristante. Matic infatti, come rivelato dallo Special One, non è al meglio e nell’ultima gara di campionato ha garantito soltanto 20′ di autonomia. Il serbo infatti sta ancora gestendo una botta subita durante la trasferta in Spagna. Ma a tenere in ansia il tecnico in vista della trasferta di Europa League ci sono soprattutto le condizioni di Pellegrini. Il capitano giallorosso è uscito malconcio dalla sfida con il Napoli, lamentando il solito fastidio al flessore. L’intenzione del giocatore è comunque quella di rispondere presente, ma soltanto oggi si capirà se il numero 7 sarà in grado di scendere in campo in Finlandia.

Da monitorare anche lo stato di forma di Karsdorp, uscito con le pile scariche – e una borsa del ghiaccio sul ginocchio – dalla sconfitta con gli uomini di Spalletti. Se l’olandese non dovesse farcela, verrebbe sostituito da Zalewski sulla corsia destra (ieri il numero 59 è tornato a disposizione), se invece Karsdorp dovesse rispondere presente – e Mourinho decidesse di far riposare Pellegrini – il classe 2002 potrebbe anche essere avanzato alle spalle di due tra Abraham, Belotti e Shomurodov. A sinistra invece chance in vista per uno tra El Shaarawy e Vina, con Spinazzola pronto a usufruire di un turno di riposo. Possibile turnover anche in difesa: dopo aver fatto gli straordinari nell’ultimo mese e mezzo, Smalling potrebbe anche iniziare il match in panchina. Kumbulla infatti è completamente ristabilito e scalpita per tornare a giocare una gara dal 1′.

Oggi intanto, prima di imbarcarsi per Helsinki dall’aeroporto di Fiumicino, i giallorossi svolgeranno la seduta di rifinitura sul campo Amadeo Amadei di Trigoria. Alle 18.30 italiane (19.30 locali), José Mourinho e Nicola Zalewski interverranno in conferenza stampa. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa