Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Brutta, sporca e cattiva. Ma la Roma è quarta, la Champions è lì

Di rabbia e di voglia, la Roma batte l’Hellas Verona e sale al quarto posto

La solita Roma, svagata e lenta nel primo tempo, che attende l’episodio per accendersi e cambiare marcia. E se Abraham decide di non sfruttare la più facile delle occasioni da gol, allora ci pensa l’Hellas a regalare lo svantaggio, che sa di beffa, ai giallorossi. Il rosso di Dawidowicz fa comodo, al resto pensa Zaniolo a raddrizzarla nel finale.

Il secondo tempo ha un copione scritto: la Roma che attacca, l’Hellas che prova a far male nelle ripartenze. L’esito della storia appare scritto, eppure più passa il tempo e più si ha la sensazione che la penna per la firma sia rimasta a Trigoria. Il classico finale di gara dove il risultato cambia giudizi e orizzonti. Ma il calcio lo si ama per questo: per la storia del Vecchio (Matic) e del Bambino (Volpato) che cambiano volto alla notte del Bentegodi. La Roma è quarta, la Champions ora si vede.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti