Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Missione compiuta: la Roma batte 3-1 in rimonta il Ludogorest e vola ai sedicesimi

Mourinho vince la gara con i cambi. Boato prima del fischio d’inizio per festeggiare l’eliminazione della Lazio

Ci sarà la Roma insieme alla Juventus nell’urna dell’Europa League lunedì prossimo a Nyon. Dopo aver rischiato di ritrovarsi in Conference insieme alla Lazio, i giallorossi battono il Ludogorets all’Olimpico giocando un gran secondo tempo e si preparano a sfidare nei playoff di febbraio una delle terze retrocesse dalla Champions. Mourinho la vince con i cambi e un’energia diversa trasmessa all’intervallo ai suoi, tramortiti dopo il gol dei bulgari.

La Roma prova a portare subito la gara dalla sua parte. I bulgari riescono comunque a ripartire in velocità più volte, mancano lo specchio nelle occasioni migliori create, fino all’azione personale inarrestabile di Rick, che si fa trequarti di campo palla al piede e scaglia un siluro alle spalle di Rui Patricio. E l’Olimpico accompagna con i fischi il rientro negli spogliatoi dei giocatori.

Mourinho spende subito tre cambi e vara una Roma ultra offensiva: Volpato esterno a tutta fascia a destra con El Shaarawy dall’altra parte, che va subito vicino al pari in avvio di ripresa. Cristante ricompone la cerniera in mediana con Matic, Zaniolo e Pellegrini vanno a supporto di Abraham. La squadra cambia marcia. Zaniolo si guadagna due rigori nel giro di dodici minuti (con tanti saluti agli arbitri italiani), entrambi trasformati da Pellegrini che cambia angolo e spiazza due volte Padt.

I bulgari trovano il pareggio con Nonato, ma c’è prima un fallo su Ibañez e il Var richiama l’arbitro. Mou richiama in panchina Volpato e invoca gli applausi dei tifosi per l’italo-australiano, c’è bisogno di Bove a centrocampo per gestire qualche pallone in più. Poi ci pensa Zaniolo a seminare avversari e chiudere la gara. Boato prima della gara per festeggiare in diretta l’eliminazione dei rivali e il coro “la Roma sì e la Lazio no” che dà il via alla stracittadina.

Si legge su Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa