Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Lo stadio a Pietralata per Euro 2032

Uno stadio anche per le grandi manifestazioni

Uno stadio nuovo di zecca, concepito dall’A.S. Roma per accogliere fino a 62mila spettatori, potrebbe essere il “plus” per l’eventuale candidatura della Capitale a ospitare gli Europei del 2032, magari insieme a uno stadio Flaminio finalmente ristrutturato. Su questa prospettiva, suggerita dall’assessore all’Urbanistica Maurizio Veloccia al termine dell’incontro di ieri, in Comune, per l’analisi tecnica del piano di fattibilità dello stadio a Pietralata, c’è la condivisione della società giallorossa. Negli uffici del dipartimento Urbanistica di Roma Capitale, ieri mattina, è arrivato puntuale l’amministratore delegato della Roma Pietro Berardi.

Due ore di incontro in via della Civiltà del Lavoro nelle quali i tecnici incaricati dai Friedkin di seguire il “dossier” stadio hanno illustrato ai funzionari capitolini le caratteristiche principali del progetto. E l’aria che si respirava era serena, rilassata. D’altra parte il Comune ha già richiesto ufficialmente ai giallorossi di integrare alcuni aspetti del fascicolo, considerati ancora troppo scarni. D’altronde l’iter in corso è ancora nelle fasi preliminari e la Roma ha assicurato piena collaborazione al Campidoglio. Le stesse tematiche sono tornate sul piatto anche ieri.

I nodi da sciogliere sono noti: su tutti quello degli espropri, necessari ad acquisire l’intera area interessata, ampia 160mila metri quadrati, che in parte risulta essere ancora privata. Poi il piano della mobilità, da approfondire, e le opere che i Friedkin sono disposti a eseguire (e a cedere al Comune di Roma) per migliorare la viabilità nel quadrante di Pietralata. Infine la sostenibilità energetica dell’intero impianto. La Roma non si sottrarrà ai chiarimenti richiesti e, da lunedì, ripartiranno i contatti. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa