Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Abraham insegue un nuovo show: l’inglese prova a sbloccarsi nel derby

L’attaccante inglese vuole di nuovo far male alla Lazio, cercando di sbloccare una stagione fin qui sottotono

Tira aria di rivincita. Soprattutto contro il presente che gli sta soffiando in faccia e sembra essersi portato via la sfrontatezza e i 27 gol della stagione scorsa. Del resto è la vita del centravanti: il passato non conta. Abraham lo sa bene ma ieri ha fatto un’eccezione, postando un paio di fotogrammi delle esultanze nell’ultimo derby. Uno per ogni gol segnato, in quei 22 minuti che gli sono rimasti nel cuore. A lui e ai tifosi romanisti, increduli per quell’uno-due poi trasformatosi in 3-0 grazie a Pellegrini.

Tammy prova a caricarsi così in un periodo non facile. La rete a Helsinki aveva illuso un po’ tutti, lui in primis. Verona e il match di giovedì contro il Ludogorets, lo hanno riportato con i piedi per terra. Quel maledetto pallone s’è messo di traverso.

“Spiteful as a monkey”, dicono gli inglesi. Dispettoso come una scimmia, anziché varcare la linea ha deciso ultimamente di andare a colpire i pali. Sono due in campionato, come le reti segnate in dodici partite. Il problema è che secondo la gelida matematica degli expected goals ne avrebbe dovute segnare altre sette, risultando così il peggior numero 9 in serie A tra gol fatti e attesi. L’inglese è il centravanti di una squadra che ha segnato appena sedici reti. Eppure la Roma è lì, al quarto posto e oggi, vincendo, potrebbe allungare in modo decisivo in ottica Champions

Come se non bastasse, ci si è messo pure Belotti. Rapporto ottimo con il Gallo fuori dal campo, feeling minimo invece sul rettangolo di gioco. I due quando non si pestano i piedi, faticano a trovarsi. Il primo tempo contro i bulgari è stata la fotografia di una coppia che non funziona. Proprio per questo oggi tocca di nuovo a Tammy. Della serie: adesso o mai più. Magari Mou non è così categorico ma l’inglese contro la Lazio è chiamato a dare una risposta. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa