Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma-Lazio 0-1, la moviola dei quotidiani: manca il rosso a Radu

La moviola della gara di Orsato: manca un rosso

LA GAZZETTA DELLO SPORT
Partita spigolosa. Primo tempo. Subito un giallo a Mancini per “abbattimento” di Zaccagni. Al 15’ mani involontario di Smalling e fuori area, giusto lasciar correre. Poi un giallo a Lazzari (fallo su Zalewski). Ripresa. Vecino ammonito per fallo da dietro su Zaniolo. El Shaarawy, inseguito da Cancellieri, cade in area, ma non c’è nulla. All’86’ parapiglia a bordo campo: Radu (riserva) ostacola Rui Patricio nel recupero del pallone. Orsato ammonisce tutti e due, però Radu andava espulso, chiari i suoi intenti provocatori.

IL CORRIERE DELLO SPORT
Bene ma con diverse sbavature Orsato, dal cui taschino spuntava il biglietto per Doha, dove gli arbitri di Qatar 2022 sono attesi da domani (quelli in arrivo dal Sud America sono partiti ieri) a Doha, per il consueto seminario pre-Mondiale. Troppi errori da un punto di vista tecnico (ad esempio, netto fallo di Felipe Anderson su Ibanez ma lui schia il successivo contatto Cristante-Pedro) e disciplinare (ad esempio: manca un giallo chiaro per Çelik che ferma con la mano una ripartenza di Zaccagni).

Per sua fortuna, non ci sono stati episodi clamorosi in area, la mass confrontation scatenata da Radu e proseguita da Rui Patricio s’è risolta con un giallo per parte, corretto il recupero assegnato. La sua ultima partita in Italia prima di Qatar 2022 dice 32 falli fischiati e 5 ammoniti. Nell’unico episodio che ha avuto bisogno di un minimo di approfondimento alla moviola, non c’è fallo di Cancellieri ai danni di El Shaarawy in area della Lazio: il giocatore biancoceleste lo disturba ma non commette mai fallo, nessun errore.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa