Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mou trova il colpevole. Attacco a Karsdorp: “Poco professionale”

Mou attacca Karsdorp nel post gara

Quando a gestire gli ingressi e le uscite è un tipo esigente come José Mourinho, il bello e il brutto possono impastarsi per creare una nuova realtà.

E così, proprio quando sembra certo che Paulo Dybala tornerà nella lista dei convocati — oggi dovrebbe allenarsi in gruppo — la Roma a gennaio potrebbe perdere Rick Karsdorp. Senza nominarlo, infatti, lo Special One lo ha messo sul banco degli imputati per il pareggio contro il Sassuolo, giunto a una manciata di minuti dalla fine della partita. A quel punto ci ha pensato lo spogliatoio, e tutti coloro ad esso collegati, a svelare il mistero.

Cominciamo da qui, da quel confronto a fine partita concluso con una frase che il tecnico ha pronunciato e che ha il sapore dei titoli di coda: “A gennaio trovati un’altra squadra“. È la frase finale di un confronto, che l’allenatore portoghese a fine partita racconta ai media in questo modo: “Abbiamo fatto una buona partita, ma il nostro sforzo è stato tradito da un giocatore con un atteggiamento poco professionale — spiega con volto truce —. Non mi avete visto parlare così di Ibanez contro la Lazio perché l’atteggiamento era top, l’errore fa parte del gioco, i calciatori sanno che possono sbagliare. L’atteggiamento non professionale invece mi dispiace. Ho avuto sedici calciatori in campo: l’atteggiamento di quindici mi è piaciuto, mentre quello di uno no. Non vi dico chi è, l’ho già detto nello spogliatoio ed è una cosa che non faccio spesso”.

E il processo, secondo i sussurri che giungono dall’ambiente, parrebbe anche la panchina iniziale mal metabolizzata. Una cosa è certa: nell’azione del gol del pareggio era fuori posizione sul lancio di Kyriakopoulos. Questione di atteggiamento, secondo il tecnico portoghese, che già ieri in conferenza aveva ironizzato sul fatto che in allenamento l’olandese abbia sempre un dolore oppure una febbriciattola.

Tra l’altro, nel derby aveva colpito il fatto che, al momento della sostituzione, era andato subito nello spogliatoio senza fermarsi in panchina. In realtà dopo era tornato sui suoi passi, ma il gesto era stato notato. Lo sfogo dello Special One, però, probabilmente mette la parola fine alla sua avventura giallorossa, anche se a gennaio bisognerà trovargli una squadra. Il ritorno in Olanda, al momento, sembra la pista più probabile. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa