Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Scuse e accuse ma nessuna autocritica. E la classifica…

Nessuna autocritica da parte di Mourinho

Nella Roma sta emergendo il pericoloso fenomeno del pensiero unico, quello di Mourinho. Che fa, disfa, accusa, spacca, giudica tutto e tutti ,fuorché il proprio lavoro. Tante le critiche interne ed esterne al club. Ma autocritiche mai. Dopo il brutto derby perso, una delle tante partite in cui la Roma ha mostrato buona volontà e poco altro, è andato in scena l’ennesimo j’accuse: incolpevole l’arbitro è toccato a giocatori e club.

Dai giudizi tranchant verso Abraham accusato di pensare al Mondiale (non sta giocando bene, ma quanti assist riceve, a partire da Pellegrini e Zaniolo?), al dito puntato contro i giocatori involuti, fino a definire “mercatino” l’enorme lavoro fatto in estate da società e Pinto, con l’aiuto dello stesso Mou.

Ieri dopo il deludente pari col Sassuolo l’attenzione è stata spostata tutta su un solo uomo, un “traditore” a cui è stato chiesto di trovarsi un’altra squadra. Raramente si è sentito un tecnico attaccare così un suo giocatore pubblicamente, anche se colpevole. Mou, da sempre pirotecnico nella comunicazione, a Roma sembra senza argini.

La natura non prevede il vuoto e a José piace colmarlo, spesso esagerando. Oggi ricopre tutti i ruoli, nel silenzio (anche assenso?) della società. Gli sforzi enormi fatti dai Friedkin meriterebbero più considerazione e meno polemiche, più gioco e meno caos. Alla sosta la Roma rischia di arrivarci come ultima del gruppo di vertice. Una posizione tutt’altro che Special. Non sarà mica tutta colpa di un giocatore svogliato per 35 minuti?. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

115 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

115 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa