Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Da oggi vacanze, poi Giappone e Portogallo

Al triplice fischio di Roma-Torino i calciatori giallorossi avranno qualche giorno di riposo

Con il fischio finale di Roma-Torino ci sarà anche il rompete le righe della squadra in vista della lunga pausa Mondiale. Appuntamento all’Olimpico il 4 gennaio 2023 alle 16.30 per Roma-Bologna. In mezzo 52 giorni di sosta forzata in cui la Roma ha stilato un programma dettagliato e bilanciato tra lavoro e riposo per la rosa, tranne i quattro calciatori che voleranno in Qatar: Rui Patricio, Viña, Zalewski e Dybala.

Mourinho concederà qualche giorno di riposo la prossima settimana prima di ritrovarsi a Trigoria il weekend del 19-20 novembre. Un paio di giorni di allenamento e il 22 novembre la Roma volerà in Giappone per partecipare alla seconda edizione dell’EuroJapan Cup. Una settimana di lavoro a Tokyo con due amichevoli in programma: il 25 novembre contro il Nagoya Grampus al Toyota Stadium e il 28 novembre contro lo Yokohama F. Marinos al Japan National Stadium.

Il 29 novembre il ritorno a Roma con una seconda parte di vacanze concesse alla squadra. La ripresa Trigoria è prevista la seconda settimana di dicembre, prima della partenza per il Portogallo attorno alla metà del mese. Una settimana di ritiro in Algarve, ancora da definire nei dettagli, dove verranno aggregati anche i nazionali che non supereranno la fase a gironi del Mondiale. Il ritorno a Roma coinciderà con l’inizio delle vacanze natalizie e la fine del Mondiale. L’appuntamento per tutti è a Trigoria subito dopo Natale. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa