Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Nervi a pezzi e pochi gol: Mourinho scopre il male oscuro dello Stadio Olimpico

Ko e nervosismo: Mou e le difficoltà all’Olimpico

Bandiere, cori, l’inno con le squadre in campo, i sold out consecutivi, il ricordo delle notti europee, una passione che fatica a trovare paragoni in Europa. Eppure la Roma di José Mourinho, in quello che avrebbe dovuto essere un fortino invalicabile, nella prima parte di stagione si è fatta piccola piccola nel suo Olimpico. Sono i numeri a certificare un rendimento che non permette sogni di gloria, ma induce invece a profonde riflessioni.

Dieci gare casalinghe, tra campionato e coppa, e la vittoria è arrivata nella metà degli appuntamenti, ma con avversari sulla carta abbordabili o comunque alla portata (Cremonese, Monza, Helsinki, Lecce e Ludogorets). Al contrario, non appena l’asticella del contendente si alzava, i giallorossi sono finiti al tappeto: Atalanta, Betis Siviglia, Napoli e Lazio i quattro pesanti ko incassati. L’ultima sfida è invece terminata in parità con il Torino di Juric.

Se poi giocare in casa dovrebbe darti più forza, la Roma invece sembra andare in tilt dal punto di vista nervoso. Con l’Atalanta espulso Mourinho, con il Betis Zaniolo, con il Napoli espulso Rapetti (preparatore), con la Lazio il vice Foti e con il Torino ancora una volta Mourinho (squalifica di due giornate). La rabbia nel finale di gara, poca efficacia invece nei primi 45 minuti di gioco: solo 4 gol (tra cui la doppietta di Dybala con il Monza) nella prima frazione.

I giocatori sembra si siano adagiati in una sorta di comfort zone, nella quale Mourinho non è affatto abituato a crogiolarsi. I fischi con il Torino sono emblematici: il sostegno rimarrà tale, puro e incondizionato, ma tale amore deve essere rispettato e riconosciuto. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa