Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, Karsdorp saluta? Piace Bereszynski

La ribalta improvvisa provocata dal caso Karsdorp non ha giovato alla causa giallorossa. Vedere proiettato un proprio calciatore in un mercato assai difficile, avendo sottoscritto un “settlement agreement” con la Uefa per evitare una sanzione da 35 milioni, non è stata certo una bella notizia, ma bisogna fare di necessità virtù, ancor più sapendo che sulla panchina siede un personaggio assai esigente come José Mourinho, che sulla qualità della rosa ha sempre qualcosa da dire.

Proprio per questo occorrerà vedere la sorte del terzino olandese. Il desiderio della società sarebbe quello che nei prossimi cinquanta giorni si possa arrivare a un armistizio in vista dell’estate. Non facile, perché entrambi i protagonisti sono assai irritati l’uno con l’altro. Di sicuro, pare difficile che Karsdorp possa essere venduto.

Potrebbe assai più facilmente essere prestato, ed in questo senso la Juventus è in prima fila. Ma perché rafforzare una rivale diretta per la zona Champions? Se eventualmente si desse il via libera, significherebbe che c’è un ricambio in vista.

Detto che, sulla carta, a destra potrebbero giocare Celik e Zalewski (con a sinistra Spinazzola e Vina),i sussurri di mercato parlano di un monitoraggio per avere in prestito Bereszynski (classe 1992) dalla Sampdoria. Il polacco era stato già in estate nel mirino della Roma, ma non è il solo studiato, visto che un altro osservato speciale è anche Bellerin (classe 1995), spagnolo, che sta trovando poco spazio al Barcellona. In chiave estiva, invece, si fanno anche i nomi di Holm (classe 2000) dello Spezia e Mazzocchi (classe 1995) della Salernitana, ma è tutto in divenire, così come i nomi per un nuovo centrale, che entrerebbe in lizza in caso di difficile addio di Kumbulla. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa