Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Karsdorp, la tournée e il futuro: un caso da risolvere

Il futuro di Karsdorp è ancora tutto da definire

Ha preso un aereo ed è volato in Olanda, con la moglie e i figli. E ha scelto di circondarsi dell’affetto della famiglia, in primis del fratello maggiore Kevin, che è una sorta di braccio destro. Rick Karsdorp non ha assorbito facilmente l’accusa di Mourinho dopo il Sassuolo e la conseguente esclusione contro il Torino, per questo è tornato in patria e si è rifugiato negli affetti più cari.

Giornate semplici, dedicate ai bambini e ai loro impegni, nei posti in cui papà e zio sono cresciuti.  Alla Roma tornerà a pensare tra qualche giorno e non saranno ore facili. Perché facile non è la situazione. Per prima cosa, bisognerà vedere se Rick andrà in Giappone, o meno, con la squadra. Alla partenza mancano appena cinque giorni, domenica Karsdorp si dovrebbe allenare con i compagni perché, con loro, si è allenato prima della partita contro il Torino, anche se poi Mourinho ha deciso di non convocarlo.

Nei prossimi giorni il terzino parlerà con l’allenatore e la società e si capiranno i prossimi passi: al momento l’olandese non è fuori rosa, ma la sua presenza in tournée è tutto tranne che sicura. Ci sono aspetti legali da valutare, ma va considerato anche che il club quando vuole mettere un giocatore fuori dal gruppo non si fa problemi a farlo (per info chiedere a Pedro, Pastore o Santon e Diawara).

Capitolo futuro: Karsdorp piace in Olanda, dove non gli dispiacerebbe tornare, in Francia (Marsiglia e Lione), in Italia (Juventus e Milan) e anche il Bologna è stata un’opzione. La Roma, però, non vorrebbe cederlo in prestito secco. La volontà è quella di una cessione a titolo definitivo oppure in prestito oneroso con obbligo di riscatto, eventualmente condizionato alle presenze. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa