Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Kluivert, il Valencia insiste ma Pinto mette due condizioni

Il Valencia pronto a riscattare Kluivert: le ultime

La Roma è pronta a dire addio a Justin Kluivert con sei mesi di ritardo. O d’anticipo? Dipende dai punti di vista. Fosse stato per i giallorossi, l’olandese sarebbe un giocatore del Fulham già da tre mesi. Il pasticcio burocratico combinato dagli inglesi negli ultimi giorni di agosto, però, aveva fatto saltare una trattativa già chiusa e costretto Tiago Pinto – con l’entourage del ventitreenne – a trovare una soluzione d’emergenza in fretta.

E così è spuntato il Valencia, la squadra allenata da Rino Gattuso che ha ingaggiato il classe ’99 nell’ultimo giorno della sessione estiva con la formula del prestito con diritto di riscatto fissato a 15 milioni. Una scelta rivelatasi azzeccata.

Gattuso negli ultimi giorni ha chiesto al club di provare ad acquistarlo a titolo definitivo già a gennaio. Ovviamente per comprare Kluivert con sei mesi d’anticipo, il Valencia pretende dalla Roma un importante sconto. Gli spagnoli non navigano in acque particolarmente tranquille e considerano eccessivi i 15 milioni previsti dall’accordo firmato in estate.

Al Fulvio Bernardini sono disposti a lasciar andare definitivamente Kluivert già a gennaio. Ma senza saldi. Il general manager Pinto infatti non accetterà meno di 10 milioni di euro e pretende una percentuale sulla rivendita futura: una decisione già comunicata al Valencia. I soldi degli spagnoli verrebbero utilizzati per dare maggiore equilibrio alle casse romaniste. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa