Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Materazzi scrive a Mourinho: “Ci hai cambiato la testa, eravamo i più forti”

Le parole dell’ex difensore nerazzurro

Marzo Materazzi ha scritto una lettera, sulle pagine di SportWeek, in occasione del compleanno di José Mourinho che sarà giovedì 26 gennaio. Queste le sue parole:

“C’è chi dice che a 60 anni si comincia a diventare vecchi: mi viene da ridere. Magari prima o poi diventerai vecchio anche tu, e non sono neanche così sicuro, ma hai la faccia ancora troppo furba per essere uno che si fa fregare dagli anni. Tu non hai mai fregato nessuno, se non chi lo meritava: a pensarci bene neanche a me, quella volta che mi hai fatto un cazziatone pazzesco perché me ne sono andato dall’allenamento e ho lasciato la mia squadra in inferiorità quando la partitella doveva ancora finire. Il problema è che ci facevi sentire troppo forti: tutti e più forti di tutti. Ci hai cambiato la testa, il modo di lavorare, la carriera e anche la vita e hai avuto solo un torto: ci hai allenato per troppo poco tempo, insieme potevamo vincere ancora chissà quanto. Ma ci ho riflettuto dopo, anche se per un po’ ho pensato il contrario: non ci hai fregato neanche quando te ne sei andato al Real Madrid. Perché tu sei così, e sono sicuro che sei così, identico, anche oggi, anche a 60 anni: devi avere dentro un fuoco sempre acceso. Ciao José, passa un buon compleanno. E se per caso qualcuno fa battute dicendo che invecchi, guardalo come guardavi noi quando ti facevamo inc***are. E digli che in pensione ci vai quando decidi tu, come hai sempre fatto. Per tutto”.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News