Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

E rimane l’intrigo Shomurodov. Torino in vantaggio su Cremonese e Lille

La proposta dl Torino è la preferita di Eldor Shomurodov

La Cremonese si è mossa su Shomurodov, da qualche giorno. Ma l’attaccante della Roma continua a privilegiare la proposta del Torino, al momento. La società lombarda sta provando a convincere la società giallorossa a cedere l’uzbeko in prestito oneroso, pagando di più il disturbo per 6 mesi.

La Roma, si sa, per adesso prende tempo. Continua a voler inserire l’obbligo di riscatto, al massimo condizionato: ma con paletti facili da raggiungere. Sullo sfondo c’è poi il Lille, che ha provato a inserirsi nella trattativa nei giorni scorsi, ma senza compiere sorpassi. Il Torino sarebbe anche disposto ad alzare il prezzo del diritto sino a quota 12, 13 milioni, ma senza obblighi.

La Roma, invece, potrebbe anche accontentarsi di valutare l’attaccante “solo” una decina di milioni, purché però si muova per l’appunto in prestito con obbligo di riscatto a fine stagione. La sensazione è che le parti continueranno questo testa a testa ancora per vari giorni, fors’anche sino alla fine del mercato: la Roma, cercando un candidato acquirente in Italia o in Europa; il Torino, confidando che non si materializzi e che Shomurodov continui a privilegiare un trasferimento in granata.

Se davvero la Roma si rendesse conto, sul finire del mercato, di non avere chance alternative, potrebbe anche mollare l’uzbeko alle condizioni preferite dal club granata. Una soluzione di compromesso che potrebbe favorire un accordo può poi essere rappresentata dall’inserimento di condizioni non esattamente facilissime per il riscatto obbligatorio. Lo scrive Tuttosport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa