Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

All’Olimpico è la notte di Roma-Barça. Un altro record: in 40mila sugli spalti

Le due formazioni femminili si sfideranno nella cornice dell’Olimpico

Undici contro undici. Più 40mila a spingere. Al momento, a dire il vero, sono più di 37mila. Ma c’è un record, l’ennesimo, da frantumare: la partita di calcio femminile più vista in Italia. Per ora il primato è di uno Juventus-Fiorentina, in uno Stadium tutto esaurito e ci si giocava lo scudetto. Ma erano tutti biglietti gratuiti. Stanotte invece è la notte di Roma-Barcellona, ore 21, andata dei quarti di finale di Champions League. La truppa di Spugna contro la squadra più forte del mondo senza, però, la calciatrice più forte del mondo: Putellas non ha recuperato dopo il grave infortunio al ginocchio.

Serve l’aiuto di tutti. Anche e soprattutto dell’Olimpico, che fino al momento ha risposto alla grande, per battere le blaugrana che arrivano al match con questi numeri: 22 vittorie in altrettante partite di Liga: 98 gol fatti e 5 subiti. Una sola sconfitta in Germania contro il Bayern Monaco nelle ultime 52 partite giocate. Numeri impressionanti rimarcati anche da Spugna nella conferenza stampa di ieri. “Dopo il sorteggio ho visto diverse loro partite. Mi è difficile trovare un punto debole”, ha ammesso il tecnico. Che però non ci sta a partire già battuto, e alza la posta, col petto in fuori. E ci proverà anche Elisa Bartoli, nonostante la distorsione alla caviglia che l’ha tenuta fuori contro la Fiorentina.

Lo scrive Il Messaggero

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa