Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Tempo, “Sassuolo e Parma suonano come un ultimatum per Di Francesco”

La reazione c’è stata, ma in classifica non si nota la differenza ed è lì che, invece, c’è bisogno di uno scatto importante per cominciare la risalita

Non bastano gli atteggiamenti giusti né un buon secondo tempo a Torino, non è sufficiente uscire dallo Stadium con la sensazione di essersela giocata e di avere ancora tutte le ossa al loro posto. La Juventus non ha massacrato la Roma, l’ha battuta con cinismo consentendole di tenere il morale alto, ma non ci si può accontentare di questo, non c’è un premio per chi perde ma evita una goleada, grazie a sant’Olsen e a una difesa meno ballerina del solito. In qualche modo la sconfitta contro i bianconeri è stata accettata, perché sembrava impossibile immaginare un esito diverso, ma adesso cadono tutti gli alibi e si rialzano le pretese. Sassuolo e Parma sono due ostacoli da superare, non importa se col massimo sforzo, ma necessariamente col massimo risultato: i giallorossi hanno l’obiettivo di «girare» a 30 punti, hanno bisogno di vincerle entrambe, poi ci saranno le vacanze, il calciomercato e partirà la seconda fase di un campionato che sta aspettando chi resta indietro. La Roma è a soli 4 punti dalla zona Champions e tra le squadre in corsa è – sulla carta – la più forte, per cui nulla è ancora perduto. I segnali di ripresa ci sono, Di Francesco proverà a sfruttarli per prendere 6 punti prima delle ferie, altrimenti sa cosa rischia: «Io vivo sempre sotto pressione, alla fine nel calcio paga l’allenatore.  Quello che mi interessa è arrivare al 29 avendo più punti possibili»Pallotta si fida di Monchi, insieme hanno deciso di confermare la fiducia nel tecnico rimandando ogni valutazione alla fine del girone d’andata e se le cose non saranno andate come previsto ci sarà tutto il tempo di fare la rivoluzione, pescando tra i profili disponibili, anche se nessuno finora li ha convinti al 100%.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa