Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Outdoor, giornata di FA Cup: vincono Manchester City e Watford, Ranieri crolla contro l’Oldham

Turno che ha riservato non poche sorprese, prima fra tutte l’eliminazione del Fulham in casa contro l’Oldham, militante nella quarta categoria inglese

Epifania all’insegna del FA Cup in Inghilterra: se a qualcuno la befana ha portato dolci e caramelle, ad altri è andata decisamente peggio, e non parliamo del solito carbone. Chi sicuramente è uscito da questa giornata con la calza piena di leccornie è il Manchester City: gli uomini di Guardiola hanno archiviato il discorso coppa in pochi minuti, strapazzando il povero Rotherham 7-0. Bene anche il Watford, che porta a casa il passaggio del turno grazie al 0-2 contro il Woking. Male, anzi malissimo il Fulham di Claudio Ranieri: i Whites non riescono a dare il massimo e crollano in casa contro l’Oldham, squadra di quarta categoria. Perde anche il Leeds del “loco” Bielsa, pronto a tornare in Premier ma non ancora al top della forma: i peacocks si schiantano contro il QPR e perdono 2-1. Nella sfida delle 17:30 cade anche il Leicester, sconfitto in casa del Newport. Domani occhi puntati sulla sfida tra Wolwerhampton e Liverpool: i primi della classe della Premier League dovranno dare il massimo, in un turno in trasferta che sembra tutto, tranne che semplice.

Ecco tutti i risultati (in neretto le squadre qualificate):

Fulham-Oldham 1-2

Manchester City-Rotherham 7-0

Milwall-Hull City 2-1

Preston-Doncaster 1-3

QPR-Leeds 2-1

Sheffield Utd-Barnet 0-1

Woking-Watford 0-2

Newport-Leicester 2-1

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti