Resta in contatto

Prima Squadra

Social Network, Cristante Live su Twitter: “Mi trovo a mio agio nel ruolo attuale. Il Mister? Ho un buon rapporto con lui”

Il centrocampista giallorosso: “Da bambino il mio idolo era Lampard. Giocare all’Olimpico è un’emozione unica”

Bryan Cristante, centrocampista della Roma, è stato il protagonista di oggi sul profilo Twitter, rispondendo alle domande dei tifosi:

Ti trovi bene in questo ruolo? “Si è un posizione in cui mi trovo a mio agio”.

Il rapporto con il mister? “Molto buono, è bravo a tenere un buon rapporto con tutti”.

Ci hai messo un po a sbocciare. “E’ normale quando si inizia un nuovo percorso, quando cambi squadra ci sono dei meccanismi che devi capire. Quando prendi confidenza con le situazioni e i compagni riesci a dare il meglio”.

Chi era il tuo idolo da bambino? “Lampard, era il giocatore che mi piaceva di più”.

Miglior giocatore con cui hai giocato? “Al Milan c’era Ibra, che mi ha impressionato di più. Non mi trattava benissimo ma mi ha fatto crescere. Da avversario vedere Messi è stato impressionante”.

Cosa hai imparato dalla tua esperienza all’estero? “Sono cresciuto molto, sei obbligato a farlo quando ti trovi in un paese diverso. Non ho mai dubitato di me stesso, ho sempre pensato a lavorare”.

Cosa avresti voluto fare se non avessi fatto il calciatore? “Ho sempre voluto fare il calciatore fin da quando ero bambino. Sono fan del basket, non ho una squadra preferita ma mi piace molto vedere l’NBA”.

Con chi ti trovi meglio? “Qui al campo mi trovo bene con Juan Jesus, ma c’è dialogo e conversazione con tutti, è un bello spogliatoio”.

Miglior consiglio che hai avuto? “Lavorare, il più vecchio e semplice ma efficace”.

Cosa si prova a giocare nella Roma all’Olimpico? “Sono emozioni forti, la curva è speciale, lo dimostrano ogni volta, poi ha quel fascino che dà qualcosa in più a questa tifoseria”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra