Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Stadio della Roma

Stadio della Roma, conferenza stampa della sindaca Raggi: “Lo stadio si fa. Apertura dei cantieri entro l’anno” (FOTO/VIDEO)

E’ terminata la conferenza stampa che dovrebbe aprire la porta all’edificazione del nuovo stadio della Roma: presente anche il vice presidente Baldissoni

A presenziare il sindaco Virginia Raggi e con lei ci saranno il professore responsabile del parere Bruno Dalla Chiara e il presidente di Roma Servizi per la Mobilità, Stefano Brinchi. In veste di ospite presente anche il vicepresidente esecutivo giallorosso Mauro Baldissoni, che non interverrà durante la conferenza.

Ore 11.36 – Termina la conferenza stampa. A breve le parole di Mauro Baldissoni all’esterno del Campidoglio.

Ore 11.35 – Riprende la parola la sindaca Raggi: “Ricordo che nell’area stadio ci sono due importanti linee ferroviarie come Roma-Lido e Roma-Fiumicino, è una zona infrastrutturata. Come ricorda il professor Dalla Chiara devono essere implementate ed è l’obiettivo sul quale stiamo lavorando”.

Ore 11.27 – All’ingegner Brinchi: Sulla congestione stradale.
Il Pums non è fatto di opere, ma di interventi su tutta la città. Il traffico sul GRA non arriva solo dalla Magliana, ma anche da Tor Bella Monaca e altre strade. Il Pums prevede una serie di opere che sgravano il GRA e riducono l’effetto della congestione. Ci consente di non far crescere spostamenti su mezzo privato, ma di ridurli. Ogni intervento libera quote di domanda ed è l’effetto complessivo a incidere sulla città.

Ore 11.25 – Alla Sindaca: Quali saranno i prossimi step?
Più che prima pietra apriranno i cantieri. Già oggi pomeriggio ci saranno ulteriori riunioni tecniche tra proponenti e amministrazione, ma non ci siamo mai fermati. Sulla Roma-Lido stiamo già lavorando con la Regione Lazio. Hanno già 180 milioni per l’ammodernamento delle strutture. Sulla Roma-Lido sono stati già avviati i lavori per modernizzare quest’opera”.

Ore 11.20 – Al professor Dalla Chiara: Aveva detto che le simulazioni del traffico erano state fatte in giorni sbagliati. Sono state fatte altre simulazioni o sono bastate le informazioni che le avevano dato?
Il problema c’è e rimane, ma si risolve con un’offerta plurimodale. Ci sono piani d’investimento che abbiamo chiesto che porteranno a essere la Roma Lido competitiva. Dalle nostre analisi si può arrivare a coprire un 58% degli spostamenti. Poi l’utenza va indirizzata ovviamente sul ferro. Questo permette di risolvere il problema. Sul Ponte Traiano? Non fa parte del progetto che ci è stato chiesto di visionare, asseconderebbe la viabilità stradale ma poi andrebbe ad intaccare il resto dell’area.

Ore 11.15 – All’ingegner Brinchi: Il Ponte di Traiano ritenete che sia utile? Chi lo pagherà?
Il tema è da ricondurre unicamente al Pums. L’obiettivo è spostare il trasporto dal privato al pubblico. Fare nuove infrastrutture nuove mi sembra complicato. Noi vogliamo dare accessibilità a tutti ma con sistemi diversi. Garantire il trasporto pubblico e ridurre la circolazione in macchina”.

Ore 11.12 – Inizia la fase di domande e risposte.
Al sindaco Raggi: Chiediamo che tutte le opere pubbliche vengano realizzate prima dell’utilizzo dell’impianto e che magari venga istituito un modellino dello stadio con infografiche che vadano a spiegare quanto verrà realizzato.
Cercheremo di lavorare magari anche all’interno della Casa della Città. Vogliamo essere il più trasparenti possibile e non abbiamo nulla da nascondere.

11:10 – Prende la parola l’ing. Stefano Brinchi, presidente di Roma Servizi per la Mobilità: “Partirei dall’approfondimento circa il Pums. Il piano basa le sue radici sul voler cambiare il trasporto muscolare e quindi su ferro e pedonale. Il nostro intento è quello di costruire infrastrutture e regolare la domanda di mobilità. Sul primo punto l’elemento e l’investimento principale sono orientati sul trasporto pubblico su ferro. Trasporto pubblico che nelle zone più esterne della città deve essere rapido e nella parte centrale più diffuso. Nello specifico della collocazione della nuova sede dello stadio: è una zona dotata di infrastruttura di primo livello. Sia la Roma Lido che la FL 1 sono di grande aiuto e offrono fino a un 60% della copertura degli spostamenti. Riusciremo a ridurre il numero di auto circolanti. Il piano urbano è ancora in bozza, ma le linee guida sono state dettate dall’amministrazione dal maggio del 2017. Nei prossimi giorni il piano sarà in Campidoglio”.

11:03 – Prende la parola il professor Dalla Chiara: “Il punto di vista che ci siamo posti è stato triplice: la disciplina dei trasporti, l’interesse di chi fa uso della rete ferroviaria a Roma e come ci poniamo rispetto agli obiettivi comunitari. E’ al passo con i tempi il progetto oppure no? Questo è stato il terzo punto. Il parere è arrivato dopo due fasi: una prima di approfondimento fino a dicembre e una seconda di rilevamento del problema sulla viabilità stradale e capire se fosse risolvibile. Il problema è risolvibile attraverso un’offerta multi modale. Non solo con investimenti su ferro. Nella misura in cui queste azioni verranno attuate prima della messa in esercizio dello stadio potranno garantire al tifoso di non utilizzare esclusivamente l’auto. Queste azioni che abbiamo rafforzato vanno attuate in tempi contenuti. Il problema c’è, ma esistono delle soluzioni.”

10:55 – Iniziata la conferenza stampa: prende la parola la sindaca Raggi: “Vi ringrazio di essere qui, saluto il professor Dalla Chiara e il dottor Brinchi accanto a me. Siamo qui per illustrare la relazione sullo Stadio di Tor di Valle. Iniziamo annunciando che lo stadio si farà e che i proponenti, se vorranno, potranno aprire i cantieri già quest’anno. Il progetto è ambizioso, porterà lavoro, benessere e riqualificazione in un inter quadrante della città. Lo stadio sarà un catalizzatore dei lavori che già erano pianificati nel nostro piano per la mobilità sostenibile.  Il taglio delle cubature non va a impattare sui servizi, e quindi l’opera mantiene l’utilità pubblico che sostiene le motivazioni di un’opera così importante. Questo progetto va ad attuare le linee guida europee. Perché ho richiesto questo parere, non ero obbligata a farlo. Il parere è andato a rivedere un progetto già approvato in conferenza dei servizi. La stessa Procura ha detto che non c’erano problemi sul progetto, ma avevo l’esigenza come amministratore che tutti gli ‘ok’ arrivati non fossero solo formali ma che portassero benefici per tutta la città di Roma. Questo parere esterno conferma e assicura questa cosa, è un altro via libera che ci dà la conferma che questo cambio rispetto al progetto iniziale va ad impattare in modo positivo sulla città. Questa amministrazione non è contro le opere e contro le opere, è a favore delle opere che portano beneficio per la città e per i cittadini. Rispetta tutti gli standard più importanti a livello ambientale ed energetico. Porterà lavoro ed investimenti ed è questo il senso della nostra approvazione e ‘ok’ al nostro progetto. Il parere sarà pubblicato oggi”

10:45 – E’ arrivato anche l’assessore allo Sport del Comune di Roma, Daniele Frongia

10:15 – Arriva il vicepresidente esecutivo giallorosso, Mauro Baldissoni

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Stadio della Roma