Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Primavera

Primavera, De Rossi: “Oggi è innegabile che i ragazzi abbiano fatto una partita convincente.”

Il tecnico della Roma Primavera: “Il rammarico viene fuori per questa altalena di prestazioni e risultati a cui la squadra ci abitua”

Alberto De Rossi, tecnico della Roma Primavera, dopo la vittoria per 5 a 1 contro il Napoli, è lasciato un  ntervista ai microfoni di Roma TV. Queste le sue parole:

Serviva una risposta dopo la gara contro il Chievo…
Oggi è innegabile che i ragazzi abbiano fatto una partita convincente. Il rammarico viene fuori per questa altalena di prestazioni e risultati a cui la squadra ci abitua. Vorremmo vedere sempre questa Roma, la qualità e la capacità sono quelle viste oggi. Purtroppo ricadiamo in certi errori di concentrazione e compattezza. Sembrava una partita di ping pong a Verona, lì viene fuori il lato negativo della squadra e perdiamo punti per strada. Una squadra forte deve ambire a posizioni di testa.

Concentrazione che servirà contro il Midtjylland…
Servirà anche qualcosina in più. Per oggi siamo soddisfatti, i ragazzi sono consapevoli di aver giocato un’ottima partita, rispondendo al ritorno del Napoli, che davanti ha giocatori molto forti e temibili. Quello che vorremmo vedere sempre, anche nella prossima partita. E’ da dentro o fuori, ci teniamo, vogliamo andare avanti. Servirà questa Roma, forse qualcosa di più.

Oggi in porta Fuzato…
Ci è stato comunicato ieri, lo abbiamo accolto benissimo. Ci ha anche salvato, basta vederlo per renderlo temibile agli avversari. Ha fatto molto bene, ci penseranno Savorani e Di Francesco a giudicarlo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera