Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

WeScout, Thiago Almad: la nuova “joya” del calcio argentino

Un vero gioiello per il futuro? Thiago Almada, che a 17 anni è già la Joya del calcio argentino.

Thiago Ezequiel Almada nasce a Fuerte Apache il 26 Aprile 2001. Cresce calcisticamente nel settore giovanile del Vélez Sarsfield dove nell’Agosto scorso ha esordito in prima squadra, in Primera Division, contro il Newell’s Old Boys (partita vinta dal Vélez per 2-0). Alto 171 centimetri, piede preferito il destro, ha qualità tecniche indiscutibili e una classe cristallina invidiabile. Tra le sue abilità principali si evidenzia la grande facilità nello scartare l’avversario e creare occasioni da gol limpide, per se stesso ma soprattutto per i compagni. Un vero e proprio assistman che nonostante la tenera età ha già conquistato il Vélez e i suoi tifosi. Mezzala, centrocampista offensivo o esterno, non ha alcuna difficoltà ad adattarsi lasciando inalterate le sue capacità tecniche. Ad alcuni ricorda Di Maria proprio per questa duttilità tattica, mentre per mezzi tecnici in molti lo accostano a Lo Celso.

Numeri e convocazione

Dall’esordio in campionato con la prima squadra ad oggi ha collezionato 9 presenze e 436 minuti di gioco mettendosi in luce con 3 gol e 2 assist decisivi. Numeri e prestazioni che non sono passate inosservate, tanto che il commissario tecnico dell’Argentina Under-20, Fernando Batista, lo ha inserito nella lista dei convocati per il campionato sudamericano under-20.

Curiosità

Nato nello stesso luogo di Carlitos Tevez, Fuerte Apache, e soprannominato “La Joya” come Paulo Dybala, ovviamente nessun paragone scomodo, anche in virtù della differenza di ruolo. Ma in Argentina in molti puntano già su di lui come nuovo crack del calcio mondiale, per diversi amanti del calcio sudamericano sarebbe già pronto per essere inserito nell’organico di qualche big europea. Ma prima di assecondare ogni esaltazione ed esagerazione lo vedremo a breve in una delle vetrine più importanti del calcio giovanile: il campionato sudamericano under-20.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti