Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Roma, approvata relazione semestrale: risultato positivo di 1,7 milioni

Chiuso in utile il bilancio semestrale chiuso il 31 dicembre 2018. Aumentano ricavi e costi

La Roma ha chiuso in utile il bilancio semestrale chiuso il 31 dicembre 2018. Aumentano i ricavi operativi, pari a 134,8 milioni di euro (contro i 124 milioni del 2017), in crescita di 10,9 milioni. Ricavi aumentati soprattutto grazie ai ricavi provenienti dalla gare (+4,28 milioni rispetto al 2017) e per la contabilizzazione dei contratti partnership (+ 9,3 milioni), oltre alla nuova distribuzione delle risorse finanziarie generate dalla Champions League, la quale ha generato proventi per 53,3 milioni di euro, contro i 47,8 contabilizzati nel primo esercizio.

In aumento anche i costi operativi, pari a 136,1 milioni di euro (109,3 milioni al 31 dicembre 2017), a causa dell’andamento del costo del personale tesserato: 95,9 milioni contro i 73,3 del 2017.

La gestione operativa del parco calciatori, invece, ha comportato un risultato netto positivo di 66,3 milioni di euro (negativo per 9,9 milioni di euro al 31 dicembre 2017). Il saldo, inoltre, si compone di plusvalenze da cessioni di diritti alle prestazioni sportive per 76,3 milioni di euro (2,4 milioni di euro, al 2017), conseguite principalmente attraverso le cessioni di Alisson, Strootman e Radonjic.

Le minusvalenze e svalutazioni da cessioni di diritti alle prestazioni sportive sono pari a 1,3 milioni di euro (6,5 milioni al 31 dicembre 2017).

Alla luce di ciò, il risultato economico consolidato al 31 dicembre 2018 è positivo per 1,7 milioni di euro, rispetto alla perdita di 40,3 milioni del corrispondente periodo dell’esercizio precedente, con una variazione positiva di circa 42 milioni di euro.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News