Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Roma, Dacourt: “Non ho mai perso un derby. A Spalletti dissi di portarmi maggiore rispetto”

Le dichiarazione dell’ex mediano francese: “Contro il Porto grandi chance di passare il turno”

Olivier Dacourt, centrocampista francese, ha vestito la maglia della Roma dal 2003 al 2006, prima di trasferirsi all’Inter. Il mediano ha rilasciato una lunga intervista a Centro Suono Sport, toccando diversi argomenti:

Ricordo con affetto gli anni romani e soprattutto i derby, erano partite speciali e non li ho mai persi. Spero che i giallorossi giochino una grande partita e vincano. Il gol alla Juve fu un’emozione incredibile, arrivavamo da una forte contestazione e stravincemmo quella partita, contro i bianconeri c’è sempre una rabbia in più. La Roma lo scorso anno ha fatto benissimo, con la semifinale di Champions, quest’anno ha avuto qualche difficoltà in più, ma i giallorossi sono lì a pochi passi dalla qualificazione alla prossima Champions. La Juventus è la più forte di tutti, è difficile colmare il gap. Contro il Porto la Roma ha grandi chance di passare il turno, ma in Europa non bisogna mai dare nulla per scontato. I lusitani in casa sono una squadra temibile, hanno l’abitudine di giocare queste partite.”

Nzonzi ha vinto il mondiale, dopo questo avvenimento straordinaria la prima stagione è sempre difficile. Steven credo sia arrivato a Roma senza preparazione, lui ha grandi qualità, ma ha caratteristiche ben precise, è un mediano, un palleggiatore non è uno che dribbla e va a fare gol”.

Le qualità di Pastore non si discutono, quando ha trovato spazio a Parigi ha fatto bene, ma ha un grosso deficit fisico, è un po’ fragile, ma quando sta bene può fare ancora la differenza. Spalletti ha il suo carattere, a volte esagera, anche nei miei confronti una volta a San Siro fece una scenata alla fine di una partita, gli dissi il giorno dopo che avrebbe dovuto portarmi maggiore rispetto e che le sfuriate vanno fatte dentro lo spogliatoio, non pubblicamente al termine della partita quando siamo ancora sul campo“.

“Il caso Icardi è molto particolare, Mauro non è Totti, Totti è Totti, una leggenda, Icardi ha fatto delle buone cose ma deve ancora portare l’Inter a vincere qualcosa. Il capitano deve unire tutti quando c’è un problema, non spaccare lo spogliatoio. Forse avrebbe dovuto presentare le sue scuse alla squadra. Per fortuna mia, quando giocavo, mia moglie non parlava in tv”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News