Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Social Network, Dzeko festeggia il giorno dell’indipendenza bosniaca su Instagram

Il 1 marzo 1992 fu votato in Bosnia il referendum sull’indipendenza dalla Jugoslavia

Edin Dzeko ha postato sul suo profilo Instagram una foto della bandiera bosniaca per celebrare il giorno dell’indipendenza della Bosnia. Il 1 marzo 1992, infatti, proprio nel paese natale del 9 giallorosso, fu votato il referendum sull’indipendenza dalla Jugoslavia. Queste le sue parole: ““Chi non era in Bosnia ed Erzegovina, non sa quanto possiamo amare il nostro Paese. Non è la Bosnia perfetta ma per me è la più bella e dove sono felice di essere cresciuto, ho l’opportunità di mostrare al mondo quanto il nostro paese significhi per noi. Amo essere nato come un bosniaco. Per questo, festeggiamo il giorno dell’Indipendenza, della nostra unica Bosnia ed Erzegovina”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Ko nije bio u Bosni i Hercegovini, ne zna koliko se ova nasa zemlja moze voljeti. Ko nije nasim ulicama hodao, sa nasim ljudima pricao, sa njima se svadjao, grlio i ljubio, slusao nase sale, taj kao da nije ni zivio. Rasuti smo po cijelom svijetu i svima onima, koji nisu bili u BiH, mi sportisti, pokusavamo prenijeti sta je to inat, sta je to tvrda glava bosanska, sta je to ponos, sta je to ljubav i zasto nasu zemlju toliko volimo. Nije BiH savrsena, ali je meni najljepsa i sretan sam sto sam odgojen da volim sve ljude na ovom svijetu i sto imam(o) priliku svijetu pokazati koliko nama znaci nasa zemlja. Volim sto sam rodjen bas kao Bosanac i Hercegovac. Zato, sretan nam Dan nezavisnosti, jedne i jedine nam Bosne i Hercegovine… ?? ?? #DanNezavisnosti #IndependenceDay

Un post condiviso da Edin Dzeko (@ed_dzeko) in data:

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News