Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il Messaggero, Inzaghi teso più che mai

“Non possiamo sbagliare”

Inzaghi fa l’equilibrista su un filo molto sottile. E’ il derby più difficile di Simone, non ci sono dubbi. E’ teso come sempre alla vigilia quando deve affrontare la Roma, ma forse stavolta più di altre. Poco incline al sorriso o alla battuta, si scioglie solo quando viene nominato il fratello Filippo, che da una settimana è nella capitale. La posta in palio è davvero alta, vincere per accorciare le distanze e coltivare il sogno Champions, con una gara da recuperare.

Al contrario, nonostante ci sia la semifinale di ritorno di Coppa Italia col Milan, una sconfitta vorrebbe dire entrare in un limbo pericoloso: Lotito probabilmente non prenderebbe bene uno stop coi giallorossi. «Per noi è un’occasione importante per rimetterci in corsa e accorciare le distanze. Non possiamo sbagliare», l’input del tecnico della Lazio. «C’è tanto rispetto per i nostri avversari, ma non sono né preoccupato né ho nessun tipo di timore. Loro sono una bella squadra, ma lo siamo anche noi e se giochiamo come abbiamo fatto col Milan, possiamo vincere. Zaniolo? E’ giovane e per quello che sta facendo merita solo elogi. Per noi, ci sarà la spinta del nostro pubblico e noi dovremmo mettere testa, gambe e tanto, ma tanto cuore». Lo riporta Il Messaggero. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa