Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Messaggero, Per Di Francesco un addio lungo sei mesi

Era soltanto questione di tempo

Alle 19:20 Di Francesco ha lasciato Trigoria. Non si è fermato evitando contatti con i cronisti: atteggiamento comprensibile, vista l’amarezza provata. Anche perché al fischio finale di Çakir, per come era maturata l’eliminazione, Eusebio ha sperato per qualche ora che ci fosse ancora un piccolo margine per restare e giocarsi le ultime chance contro l’Empoli.

Sbarcato a Fiumicino, Di Francesco ha tirato dritto, come fosse una normale giornata di lavoro. Convocato negli uffici del Fulvio Bernardini, s’è visto comunicare l’esonero dalla dirigenza. Ha comunque voluto dirigere l’ultimo allenamento, al termine del quale ha salutato tutta la rosa. Uno ad uno. La verità, ormai di dominio pubblico, è un’altra. Eusebio era un ‘dead man walking’ già dal 23 settembre, giorno del ko di Bologna. L’ «I’m disgusted» dell’epoca di Pallotta, sommato ai reiterati «Ask Monchi» nei mesi successivi, rappresentavano la mannaia sull’operato di Eusebio.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa