Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Roma, Julio Sergio: “Ranieri è stato come un padre per me”

“Penso che sia la scelta ideale, umanamente può dare tanto”

In un’intervista rilasciata a febbredaroma.it, l’ex portiere giallorosso Julio Sergio Bertagnoli ha analizzato il ritorno di Claudio Ranieri sulla panchina giallorossa esprimendo infine un parere sul connazionale Daniel Fuzato. Queste le sue dichiarazioni:

Ranieri è la scelta migliore da parte della dirigenza in questo momento storico? Penso che sia la scelta ideale: una stagione difficile, mancano pochissime partite; non conosco l’accordo che hanno trovato se per più tempo o solo per questo finale di stagione; è stato molto coraggioso da parte del mister accettare.” Cosa può dare a livello umano e tattico alla squadra? A livello umano può dare tutto, è una persona estremamente precisa con carattere e personalità inoltre è romano e conosce l’ambiente. Lui ha un modo molto delineato di giocare, spero che la squadra sia abbastanza reattiva ed avere la personalità giusta per arrivare in Champions League.” 

Qual è il ricordo che più ti lega a Ranieri? Con Claudio ho avuto i miei migliori momenti nel calcio; non parlavamo tantissimo ma sono sempre state chiacchierate bellissime in cui ho imparato tanto, lui è stato come un padre per me. Ha avuto tanta fiducia in me ed io l’ho ripagata con prestazioni importanti. Eravamo una bella coppia.Infine ha espresso un parere su Daniel Fuzato: “Lui è uno che ha giocato poco in Brasile ed è arrivato presto alla Roma molto giovane però credo sia un portiere con grandissime qualità, sfruttando questo periodo in cui si sta allenando farà bene quando avrà l’opportunità di dimostrare il suo valore.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra