Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Messaggero, Vincere per agganciare la zona Champions

Vincere con la Spal per approfittare del derby milanese

La rincorsa prosegue, nel tardo pomeriggio, sulla via Emilia: la Roma, con il ricordo dell’umiliante ko all’Olimpico nel match d’andata, scende in campo al Mazza contro la Spal. E, in attesa di conoscere il verdetto del derby di domani sera a San Siro, deve accorciare il distacco dal Milan terzo e dall’Inter quarta, in vantaggio rispettivamente di 4 e 3 punti. Ranieri va, dunque, all’inseguimento di Gattuso e Spalletti. Ranieri, però, più che agli avversari mai incrociati, si dedica principalmente al suo gruppo. Da riequilibrare in campo, sia nella testa che nell’assetto.

L’allenatore recita in semplicità, chiedendo agli interpreti di lasciare a casa la paura e la timidezza. E di comportarsi più da squadra, eliminando ogni svolazzo e personalismo. I concetti offerti in questi giorni ai suoi interlocutori sono i più normali che ci siano, con l’intento di rendere il 4-4-2 compatto e per certi versi blindato.

Spinta, da dietro, solo a destra, con Karsdorp o Santon. Muro con 3 centrali difensivi. Come esterni alti, rivedremo Zaniolo ed El Shaarawy, la coppia di riferimento della vecchia gestione, almeno nell’ultimo periodo. Zaniolo, sofferente per il trauma alla caviglia, è in ballottaggio con Kluivert, titolare lunedì scorso. Davanti Dzeko in coppia con Schick. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa