Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 11 aprile 1999: Roma-Lazio 3-1, Delvecchio e Totti strapazzano i cugini (VIDEO)

La Roma di Zeman ottiene un insperato successo nel derby che, di fatto, costerà lo scudetto ai biancocelesti

L’11 aprile 1999 la Roma, allenata da Zdenek Zeman, torna a vincere il derby capitolino dopo quasi 5 anni. E lo fa, ovviamente, da sfavorita. La Lazio di Eriksson, Nedved, Salas e Vieri è prima e lanciata verso il tricolore, i giallorossi del boemo sono invece solamente quinti. L’esito della partita appare scontato. E invece la Roma ci mette solamente 13′ per andare in vantaggio: grande azione di Delvecchio che conclude con il mancino sotto la traversa non lasciando scampo a Marchegiani. Al 43′ ancora Delvecchio mette la firma sulla stracittadina sfruttando un cross di Totti e sbucando in scivolata alle spalle di Nesta. 2-0 per i giallorossi contro ogni pronostico.

La partita è nervosa, al 70′ vengono espulsi Paulo Sergio (entrato da appena due minuti) per la Roma e Mihajlovic per la Lazio. Al 79′ Vieri, sicuramente il migliore e il più propositivo dei biancocelesti, accorcia le distanze da pochi passi mettendo in rete dopo una corta respinta di Konsel su tiro di Nedved. Due minuti dopo, però, la Lazio rimane in nove per l’espulsione di Nesta a causa di un fallo da ultimo uomo su Di Francesco. Allo scadere ci pensa Totti a ristabilire le distanze: Marchegiani ferma Alenichev che aveva provato a scartarlo, la palla arriva al capitano giallorosso che, dopo essersi visto respingere la prima conclusione, ribadisce in rete. E mostra la maglia “Vi ho purgato ancora“.

Con la sconfitta nel derby il vantaggio della Lazio nei confronti del Milan si riduce a 4 punti e i rossoneri alla fine riusciranno a scavalcare i biancocelesti in testa alla classifica e a vincere un campionato che sembrava già in tasca alla squadra di Eriksson.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord