Resta in contatto

Prima Squadra

Genoa-Roma, El Shaarawy: “E’ un punto guadagnato. Speriamo sia quello che ci porta in Champions”

L’attaccante giallorosso: “Finché la matematica non ci condanna dobbiamo crederci. Abbiamo raddrizzato la stagione con dei risultati positivi e subendo meno gol”

Stephan El Shaarawy, attaccante della Roma e autore del gol del momentaneo vantaggio giallorosso, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni al termine del match con il Genoa:

EL SHAARAWY A SKY SPORT

Avevi capito saresti uscito prima del gol?
Non lo sapevo, me lo stai dicendo tu adesso.

Hai una dedica particolare?
Peccato non sia servito per la vittoria. Sì, per Orsetta, fisioterapista del Genoa, che è venuta a mancare. Il gol è suo, nel suo stadio, una persona straordinario.

Punto guadagnato?
Si, speriamo possa essere quel punto che ci serve per arrivare in Champions. E’ un’occasione mancata. Vincere con un gol all’81’ sarebbe stato importante. In questi campi non si molla mai, ma ci prendiamo questo punto e abbiamo il dovere di crederci fino alla fine.

Sulla corsa Champions
Diventa più complicato. Finché la matematica non ci condanna dobbiamo crederci. Abbiamo raddrizzato la stagione con dei risultati positivi e subendo meno gol. Dobbiamo essere uniti e compatti fino alla fine.

Ranieri come vi sta aiutando?
Dobbiamo concentrarci su di noi. Ora siamo sotto e dipendiamo anche dall’Atalanta. Dobbiamo provare a vincerle tutte per centrare l’obiettivo. Non rientra solo nell’interesse della Roma, ma è nell’interesse di tutti. Oggi abbiamo fatto una partita di sostanza e concentrazione, poi gli episodi ci hanno condannato.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra