Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Repubblica, “Cesare Bovo: «Noi ragazzi dell’83 vicini a De Rossi»”

L’ex romanista sarà presente domenica all’Olimpico: “Daniele ci teneva a terminare la sua carriera con la Roma. Poteva dare ancora qualcosa in campo”

È cresciuto insieme a Daniele De Rossi, nelle giovanili della Roma, un classe ’83 che, insieme ad altri della stessa generazione, fa parte di un gruppetto di fedelissimi (tra gli altri Simone Pepe, Fabio Morelli, Simone Beccaccioli), e sarà domenica all’Olimpico per stare vicino al capitano giallorosso nella sua ultima partita. Cesare Bovo — fresco di promozione in A con il Lecce — non vuole perdersi la rimpatriata nel giorno più difficile per “Dani”.

«L’ho sentito, e ci sarò, mi fa molto piacere». I ragazzi dell’83 stanno preparando anche una sorpresa per l’amico. «Anche se lui non ama le cose eclatanti, è molto semplice».

Bovo, si aspettava questa separazione forzata?
«Non me l’aspettavo perché Daniele ci teneva a terminare la sua carriera con la Roma e dispiace tanto perché tutti avremmo voluto andasse diversamente. Poteva dare ancora qualcosa in campo e o ha dimostrato quando ha giocato».

Che persona è De Rossi per lei che lo conosce da quando eravate ragazzini?
«Ha sempre avuto enorme personalità e carattere, lo ha sempre dimostrato. E negli anni siamo rimasti in contatto, non è cambiato».

Lei al Genoa ha avuto Gasperini, che, molto probabilmente, sarà il nuovo allenatore della Roma.
«Un ottimo tecnico che tira fuori il massimo da tutti, con una personalità fortissima, si fa rispettare. Portare in Champions l’Atalanta è come vincere uno scudetto con la Juve, ha quindi tutte le qualità giuste per fare bene anche nella capitale, ne sono sicuro».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa